Protagonista della Festa 2018: Cecco Angiolieri

Archeòtipo
giugno 18, 2018
Da Monteriggioni al Giappone si parla della Porta del Medioevo
ottobre 17, 2018
Show all

Protagonista della Festa 2018: Cecco Angiolieri

Cecco Angiolieri, scrittore senese nato nel 1260 e morto nel 1313 era figlio di un ricco banchiere, condusse una vita inquieta e dissipata e fu spesso ossessionato da problemi di denaro. Nei documenti il nome di Cecco è menzionato per multe e condanne; egli dovette inoltre essere coinvolto nel processo per il ferimento di tale Dino di Bernardino di Montelmo. Probabilmente visse quasi sempre a Siena, allontanandosi solo sporadicamente.


La produzione dello scrittore senese s’inserisce in una ben definita corrente letteraria, nota come poesia comico-realistica, che si proponeva di capovolgere, facendone la parodia, tematiche e linguaggio della poesia stilnovista. All’amore spirituale veniva contrapposto l’amore sensuale, al motivo della lode quello dell’ingiuria, alla donna-angelo la donna volgare aggressiva, alla celebrazione delle virtù morali l’elogio dei piaceri della vita, in particolare la donna, la taverna e il gioco. Il Boccaccio gli dedicò una novella del Decameron, prendendolo come prototipo del gaudente e dello scapestrato. A Cecco Angiolieri sono attribuiti 112 sonetti, in cui utilizza il genere comico per creare dissacranti parodie dei moduli del dolce stile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

//]]>