Il programma

Nel castello di Monteriggioni, addobbato per le feste dei signori e dei popolani, vi aspettano maghi, giullari, acrobati, improvvisatori teatrali e in rima, nobili fanciulle e accattivanti meretrici, uno speziale e un ospitale medievale per ritemprare la vostra salute, mangia spade, incantatore di serpenti e gli artisti più rappresentativi della tradizione popolare toscana. Inoltre uno spazio per il medioevo dei bambini e altre innumerevoli fantastiche sorprese.

 

Scarica il programma completo (165,3 KB)

5-6-7 Luglio La festa a corte

Prato antistante il Castello

Dalle 17,00

Accampamento militare della compagnia d'arme Leoni Bianchi di Monteriggioni con esibizioni ed intrattenimenti per il pubblico.

Porta Senese

Dalle 17,00

Il rimator cortese accoglie le dame all'ingresso dedicando florilegi poetici personalizzati.

Camminamenti porta senese e fiorentina

Dalle 17,00

Sugli spalti, armati di guardia veglieranno su nemici e malintenzionati.

Vicolo stretto

Dalle 17,00

Poesie a richiesta per mogli, mariti, amate, amati e amanti, con i poeti del Laboratorio del sonetto.

Interno Porta Fiorentina

Dalle 21,30

Affreschi in digitale: proiezioni di immagini scattate durante la Festa.

Piazzetta ingresso camminamento Porta Senese

Dalle 17,00

L'artigiano trottolaio farà girare la testa a grandi e bambini.

Sabato e domenica, dalle 18,00

Mani, creta e fuoco: forno per la cottura primitiva con possibilità di modellare e cuocere piccoli manufatti.

Giardini sotto il camminamento di Porta Senese

Dalle 17,00 alle 22,30

Giocare al medioevo: tiro alla fune, alea, veleno, duodecim scripta e altri giochi medievali, animazione e il racconto delle incredibili avventure di Stracciatoppe, pellegrino medievale, con il gruppo Camaleonde (i bambini dovranno essere accompagnati).

Chiesa di Santa Maria Assunta*

Dalle 18,30 alle 19,30

Nocturna neuma: concerto di musica sacra medievale con il coro La Spennacchiera diretto da Francesco Oliveto.

Piazza Roma

Dalle 17,00

Messer Lurinetto, Monna Priscilla e il gran cerimoniere della Festa Stefanello di Monte Adamello, al suono di antiche melodie, aprono le porte del castello e danno inizio alla Festa a corte.

Venerdi 5 dalle 19,30

Rievocazione storica: solenne promessa di matrimonio di Messer Duccio Salimbeni con Madonna Baldesca di Ghinibaldo di Strove, a cura del Gruppo storico Agresto.

Sabato 6 e Domenica 7 dalle 19,30

Rievocazione storica: il matrimonio di Messer Duccio Salimbeni con Madonna Baldesca di Ghinibaldo di Strove, a cura del Gruppo storico Agresto.

Dalle 20,00 alle 20.45

Dalla Città del Fiore mirabolante spettacolo di giocoleria, frizzi e lazzi con i Giullari Fiorentini.

Dalle 20,45 alle 21,30

Il mangiaspade Messer Marco Cardona e i suoi serpenti ammaestrati.

Dalle 21,30 alle 22,15

La corona di Avalon, ritmi, armi e danze con il Monteriggioni Ensemble.

Dalle 22,15 alle 22,45

Orientis tempus: magie, incantamenti e fachirismo con Giullare Jocoso e Madonna Ygraine.

Dalle 22,45

Il fuoco nero: grande spettacolo di fuoco, maschere e trampoli con il gruppo internazionale Progetto Bagliori.

Dalle 23,30 alle 24,00

Gran finale con il ballo a corte accompagnato dai suoni del gruppo Thimbel.

Vie del castello, giardini, ristori ed osterie

Dalle 17,00

Gruppi itineranti lungo le vie del castello: tamburini; tableaux vivants con cavalieri, dame e ninfe; Messer Lurinetto cantastorie e mastro Tommaso musicantore; i Giullari fiorentini; Thimbel; il Giullare Jocoso; Lux oscura (cavaliere lucente e gobbo insolente); Dante e le sue terzine; le meretrici-tentatrici; il cantasorie Mauro Chechi; il coro La spennacchiera; Octava rima; l'abate di Badia e il suo fraticello prediletto; il castellano vicario Giovanni dei Tolomei.

Piazzetta 1 Maggio

Dalle 17,30 alle 23,00. Il sabato fino alle 24

Spettacoli in alternanza:

  • C'era una volta un re: canti popolari toscani con Lisetta Luchini (voce) e Marta Marini (mandolino);
  • Acatomba: da Barcellona gli spagnoli campioni del mondo di improvvisazione teatrale;
  • Santi e briganti: storie e leggende della Maremma Toscana, con il cantastorie Mauro Chechi.

Largo Fontebranda

Dalle 17,00 alle 18,30

Octava rima: la ruota dei tarocchi (spettacolo per i più piccoli).

Dalle 18,30 alle 19,30

La fanciulla senza mani: fiaba dei Fratelli Grimm per grandi e piccini con Sara Due Torri.

Dalle 20,00 alle 20,45

La leggenda di amore e psiche e altre antiche novelle popolari senesi, con  Monna Priscilla;

Dalle 20,45 alle 21,30

Musica medievale con il gruppo Thimbel.

Venerdi 5 dalle 21,30 alle 23,00

Ricordati di me che sono la Pia: re, regine, nobili, e principesse nella cultura popolare toscana; con Messer Lurinetto, Monna Priscilla, il cantastorie Mauro Chechi, Lisetta Luchini, Marta Marini, Gabriele Ara, Francesco Burroni.

Sabato 6 dalle 21,30 alle 23,00

Singolar tenzone: match di improvvisazione medievale. Disfida cavalleresca  in rime, versi, lazzi e quant'altro tra dame e cavalieri italiani vs. dame e cavalieri spagnoli.

Domenica 7 dalle 21,30 alle 23,00

Le stanze di Ambra: musiche medievali di corte con il gruppo Inchanto.

Dalle 23,00 alle 23,30

Aresteatro e SienaJazz: improvvisazioni sul sonetto Tanto gentile e tanto onesta pare di Dante con cavalieri, dame, ninfee e i musici Alessandro Giachero e Mirco Mariottini.

Dalle 23,30 alle 24,00

Thimbel, Giullare Jocoso.

Forno via Matteotti

Dalle 17,00

Peccaminoso meretricio dove fanciulle di inusuale bellezza metteranno a repentaglio la vostra rettitudine morale.

Dalle 18,00

L'antico Ospitale per la cura di dame e signore, ammalati o feriti in battaglia o nelle battute di caccia al cervo.

Balcone via Matteotti

Dalle 18,00

Serenate ai giovin signori e alle belle dame con Lisetta Luchini, Mauro Chechi e Gabriele Ara.

Per le vie del borgo

Artigiani e antichi mestieri: Il fabbro, lo scrivano, il miniaturista, il vasaio, il mugnaio, il fabbricante di orci, il trottolaio, il libraio, lo scarpaio, lo speziale del Santa Maria della Scala, il cerusico della scuola salernitana, il sarto del re, il falegname.

Venerdì 5, dalle 19,00 alle 24,00

L'essenziale è invisibile agli occhi: visita al buio del Festival per vedenti e non vedenti, in collaborazione con la sezione di Siena dell'Unione Italiana Ciechi.
Punto di ritrovo della visita all’ingresso dell’Ufficio Turistico (Piazza Roma).

 

*Si ringrazia la Parrocchia di Santa Maria Assunta per la gentile concessione.

12-13-14 Luglio La fiera nel borgo

Prato antistante il Castello

Dalle 17,00

Accampamento militare della compagnia d'arme Leoni bianchi di Monteriggioni con esibizioni ed intrattenimenti per il pubblico.

Porta Senese

Dalle 17,00

Il gabelliere-poeta ispeziona i villani e le merci in arrivo.

Camminamenti porta senese e fiorentina

Dalle 17,00

Sugli spalti armati di guardia veglieranno su nemici e malintenzionati.

Vicolo stretto

Dalle 17,00

Poesie a richiesta per i villani del borgo con i poeti del Laboratorio del sonetto.

Interno Porta fiorentina

Dalle 21,30

Affreschi in digitale: proiezioni di immagini scattate durante la Festa.

Piazzetta ingresso camminamento Porta Senese

Dalle 17,00

L'artigiano trottolaio farà girare la testa a grandi e bambini.

Sabato e domenica, dalle 18,00

Mani, creta e fuoco: forno per la cottura primitiva con possibilità di modellare e cuocere piccoli manufatti.

Giardini sotto il camminamento di Porta Senese

Dalle 17,00 alle 22,30

Giocare al medioevo: tiro alla fune, alea, veleno, duodecim scripta e altri giochi medievali, animazione e il racconto delle incredibili avventure di Stracciatoppe, pellegrino medievale, con il gruppo Camaleonde (i bambini dovranno essere accompagnati).

Chiesa di Santa Maria Assunta*

Dalle 18,30 alle 19,30

Nocturna neuma: concerto di musica sacra medievale con il coro La Spennacchiera diretto da Francesco Oliveto.

Piazza Roma

Dalle 17,00

Messer Lurinetto, Monna Priscilla e il gran cerimoniere della Festa Stefanello di monte Adamello, al suono di antiche melodie, aprono le porte del Castello e danno inizio alla Fiera nel borgo.

Venerdi 12 dalle 19,30 alle 20,00

Rievocazione storica: arrivo da Siena del Vicario Giovanni Tolomei Castellano di Monteriggioni e corteggio per le vie del Castello, a cura del Gruppo storico Agresto.

Sabato 13 e domenica 14 dalle 19,30 alle 20,00

Rievocazione storica: il castellano riceve il popolo tutto per festeggiare la vita che riparte dopo la pestilenza.

Dalle 20,00 alle 20,45

Atmosfere, giochi con i trampoli, equilibrismi, fachirismi, fuochi e altre magie con i Giullari di Davide Rossi.

Dalle 20,45 alle 21,30

Un carro di comici travestiti da pellegrini giunge al castello per raccontare antiche leggende, con l’English Theatre Company.

Dalle 21,30 alle 22,15

La corona di Avalon: ritmi, armi e danze con il Monteriggioni ensemble.

Dalle 22,15 alle 22,45

Rievocazione storica: solenne processione di ringraziamento per la fine della peste con il racconto di mirabolanti guarigioni, salvamenti e pentimenti da parte di Madonna Paola de' Lambardi e il Gruppo storico Agresto.

Dalle 22,45 alle 23,30

Mastrodarmi, la macchina del potere: è l'ennesimo giorno di tributo a Mastrodarmi, oscuro signorotto della Città, quando da lontano arriva un Pellegrino sconosciuto che..., a cura del Teatro dei Venti.

Dalle 23,30 alle 24,00

Gran finale con il ballo a corte accompagnato dai suoni degli Errabundi Musici (venerdì e sabato) e dal trio Di Volo-Tancredi-Bolognesi (domenica).

Vie del castello, giardini, ristori ed osterie

Dalle 17,00

Gruppi itineranti: tamburini; Tableaux vivants (pezzenti straccioni e appestati); Messer Lurinetto cantastorie e mastro Tommaso musicantore; I giullari fiorentini; Thimbel; Giullare Jocoso; Lux oscura (cavaliere lucente e gobbo insolente); Dante e le sue terzine; le meretrici-tentatrici; il cantasorie Mauro Chechi; il coro La spennacchiera; Octava rima; L'abate di Badia e il suo fraticello prediletto; il castellano vicario Giovanni dei Tolomei.

Piazzetta 1 Maggio

Dalle 17,30 alle 23,00 - Sabato 13 fino alle 24,00

Spettacoli in alternanza:

  • Voléo venì da tene e 'nvece 'un viensi: canti popolari toscani con Lisetta Luchini (voce) Luca di Volo e Eleonora Tancredi (polistrumentisti);;
  • Il carro dei comici: a cura dell’English Theatre Company;
  • Improvvisazioni in ottava rima: con Realdo da Agliana, Enrico il Rustico e Cecco da Siena.

Largo Fontebranda

Dalle 17,30 alle 19,30

Monna Priscilla e Messer Lurinetto raccontano antiche novelle e leggende della tradizione popolare toscana.

Dalle 20,00 alle 20,45

Dalla Maremma all'Appennino pistoiese: canti e leggende con Realdo da Agliana e Enrico il Rustico.

Dalle 20,45 alle 21,30

Musica medievale con gli Errabundi Musici.

Venerdì 12 dalle 21,30 alle 23,00

La terra è bassa e il cielo è lontano: contadini, pastori, villani, pastorelle e meretrici  nella cultura popolare toscana con  Messer Lurinetto, Monna Priscilla, Realdo Tonti, Enrico Rustici, Lisetta Luchini, Luca di Volo, Eleonora Tancredi, Francesco Burroni.

Sabato 13 dalle 21,30 alle 23,00

Singolar tenzone: match di improvvisazione medievale. Disfida rusticale e cavalleresca tra i signori del castello e i villani del borgo.

Domenica 14 dalle 21,30 alle 23,00

Della bella terra di Toscana: concerto di musica popolare toscana di tradizione orale con Francesca Breschi, Francesco Burroni, Martina Bellesi, Francesco Oliveto e il gruppo dei Vincanto.

Dalle 23,00 alle 23,30

Aresteatro  e SienaJazz: tableaux vivants - improvvisazioni sul sonetto  “S’io fossi foco” di Cecco Angiolieri con pezzenti, straccioni e appestati e con i musici Alessandro Giachero e Mirco Mariottini.

Dalle 23,30 alle 24,00

I Giullari di Davide Rossi.

Forno via Matteotti

Dalle 18,00

L'antico Ospitale per la cura dei reumi e dei calli di pellegrini e viandanti.

Balcone via Matteotti

Dalle 18.00

Serenate per villani e contadinelle con Lisetta Luchini e Enrico il Rustico.

Per le vie del borgo

Dalle 18.00

Artigiani e antichi mestieri: Il fabbro, lo scrivano, il miniaturista, il vasaio, il mugnaio, il fabbricante di orci, il trottolaio, il libraio, lo scarpaio, lo speziale del Santa Maria della Scala, il cerusico della scuola salernitana, il sarto del re, il falegname.

Venerdì, dalle 19 alle 24

L'essenziale è invisibile agli occhi: visita al buio del Festival per vedenti e non vedenti, in collaborazione con la sezione di Siena dell'Unione Italiana Ciechi.
Punto di ritrovo della visita all’ingresso dell’Ufficio Turistico (Piazza Roma).

Intorno alle mura del castello

Domenica 14 ore 24,00

Incendio al castello: gran finale della Festa con i fuochi d'artificio.

 

*Si ringrazia la Parrocchia di Santa Maria Assunta per la gentile concessione.